Il Responsabile della Protezione dei Dati (RPD): le linee guida ufficiali
6 marzo 2017
BIG DATA: Parlamento Europeo chiede una migliore protezione dei diritti fondamentali e della privacy
16 marzo 2017
Mostra tutti

Lecite le registrazioni video e audio di nascosto: sentenza della Corte di Cassazione

La Corte di Cassazione ha definito che le video registrazioni risultano particolarmente valide, per la ricostruzione oggettiva delle violenze. Le moderne tecniche di registrazione, alla portata di tutti, per l’uso massiccio dei telefonini smart, che hanno sempre incorporati registratori vocali e video, e l’uso di App dedicate per la registrazione di chiamate e di suoni, consentono una documentazione inconfutabile ed oggettiva del contenuto di colloqui e/o di telefonate, tra il violentatore e la vittima.

Redistratore vocale con Smartphone

Redistratore vocale con Smartphone

La ripresa video copre a 360 gradi tutto il fatto. Nel caso specifico la registrazione è stata effettuata dallo stesso ricorrente, ma la stessa potrebbe avvenire legittimamente anche da parte della vittima. Infatti le registrazioni di conversazioni e di video, tra presenti, compiute di propria iniziativa da uno degli interlocutori, non necessitano dell’autorizzazione del giudice per le indagini preliminari, ai sensi dell’art. 267 del cod. proc. pen. in quanto non rientrano nel concetto di intercettazione in senso tecnico, ma si risolvono, come sopra visto, in una particolare forma di documentazione, non sottoposta ai limiti ed alle formalità delle intercettazioni. Pertanto le registrazioni audio o video effettuate da uno dei partecipanti al colloquio o da persona autorizzata ad assistervi costituiscono prova documentale lecita e utilizzabile nel processo.

Lo ha stabilito la Cassazione Terza Sezione Penale, nella sentenza n.  5241/2017.

Scarica in pdf la sentenza  n.  5241/2017 della Corte di Cassazione: Sentenza Corte di Cassazione n. 5241 del 2017

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>