Assegnazione della casa coniugale nell’ipotesi di figli maggiorenni
15 novembre 2018
Auguri per le festività e comunicazione per i clienti
17 dicembre 2018
Mostra tutti

Separazione: criteri per determinare l’assegno di mantenimento dei figli

Di recente la Corte di Cassazione si è espressa sui criteri di riferimento per determinare l’ammontare dell’assegno di mantenimento da corrispondere ai figli dopo la separazione dei genitori. Stabilito come primo criterio quello indicato dal Codice Civile all’art. 148, che tiene conto della capacità di lavoro professionale o casalingo di ciascun coniuge per determinare i rispettivi contributi al mantenimento dei figli, non rappresenta un parametro automatico, ma al contrario la valutazione deve necessariamente risultare elastica. Infatti la valutazione deve prevede una stima più completa e a più vasto campo rispetto al calcolo percentuale dei redditi della madre e del padre. Nello specifico, oltre ai redditi vanno valutate tutte le risorse economiche e le capacità di svolgere un’attività professionale e domestica, compiendo un’indagine comparativa delle condizioni dei due obbligati.

Secondo i giudici, poi, per determinare l’assegno di mantenimento è fondamentale considerare che il dovere di mantenere, istruire ed educare la prole, di cui all’articolo 147 c.c., non è riconducibile solo all’obbligazione alimentare, ma si estende anche agli aspetti abitativi, scolastici, sportivi e sanitari, all’assistenza morale e materiale e alla predisposizione di un’organizzazione domestica adeguata.

Pertanto nell’imporre a ciascuno dei coniugi l’obbligo di provvedere al mantenimento dei figli, il giudice di merito debba individuare, quali elementi da tenere conto nella determinazione dell’assegno di mantenimento, i seguenti aspetti:

  • le esigenze del figlio
  • il tenore di vita goduto da questo in costanza di matrimonio
  • le risorse economiche dei genitori
  • i tempi di permanenza presso ciascuno di essi
  • la valenza economica dei compiti domestici e di cura assunti da genitori

Pertanto il solo reddito del padre non è una condizione sufficiente per legittimare un aumento dell’assegno di mantenimento.

assegno di mantenimento per figli avvocato per calcoloAltro aspetto esaminato dalla Cassazione nella medesima Ordinanza è il principio della bigenitorialità nell’ambito dell’affidamento condiviso di un minore. Biobenitorialità che deve intendersi quale presenza comune dei genitori nella vita del figlio, idonea a garantirgli una stabile consuetudine di vita e salde relazioni affettive con entrambi i genitori, i quali hanno il dovere di cooperare nella sua assistenza , educazione ed istruzione (Cass. 23.09.2015 n. 18817; Cass. 19.07.2016 n. 14728).

Per quanto riguarda la collocazione del figlio, gli Ermellini indicano che la stessa debba essere effettuata presso il genitore con il quale ha prima vissuto prevalentemente, garantendo al genitore non collocatario ampi periodi di tempo per tenere il figlio presso di sé.

Quanto sopra è stato stabilito dalla Corte di Cassazione Sezione “I” con l’Ordinanza n. 24134 del 10.10.2018.

Scarica in pdf in l’Ordinanza n. 25134 della Corte di Cassazione del 10.10.2018: Corte di Cassazione Ordinanza n. 25134 del 2018

Comments are closed.