Diritto del lavoro: legittimo il licenziamento di chi lavora in malattia
25 ottobre 2018
Assegnazione della casa coniugale nell’ipotesi di figli maggiorenni
15 novembre 2018
Mostra tutti

WEB APP della Corte di giustizia dell’Unione europea per depositare gli atti

L’applicazione informatica «e-Curia», comune alla Corte di giustizia e al Tribunale, permette il deposito e la notifica di atti di procedura per via elettronica. Tale applicazione consente agli avvocati e agli agenti degli Stati membri e delle istituzioni, organi e organismi dell’Unione europea di scambiare atti di procedura con le cancellerie dei due organi giudicanti in via esclusivamente elettronica.

A partire dal suo lancio nel novembre 2011, questa modalità di trasmissione ha riscontrato un notevole successo, attestato dalla crescita del numero di titolari di profili di accesso (attualmente 4 230) e dall’aumento della percentuale dei depositi effettuati con e-Curia (83% nel 2017 presso il Tribunale). Le testimonianze positive raccolte presso gli utenti (avvocati e agenti), i benefici derivanti dall’immediatezza degli scambi per via elettronica e gli incrementi di efficienza dovuti all’abbandono della gestione di formati differenti (cartaceo e digitale) hanno condotto il Tribunale a proseguire il processo di smaterializzazione dei suoi procedimenti. La necessità di fornire un contesto normativo a tale evoluzione ha indotto il Tribunale ad adottare, l’11 luglio 2018, modifiche al suo regolamento di procedura e una nuova decisione relativa al deposito e alla notifica di atti di procedura mediante e-Curia.

Corte di giustizia dell'unione europeaTali modifiche e tale decisione, pubblicate nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea il 25 settembre 2018 1, renderanno e-Curia l’unica modalità di scambio tra le parti e il Tribunale a partire dal 1° dicembre 2018. Questa evoluzione riguarda tutte le parti (ricorrenti, convenute e intervenienti) e tutti i tipi di procedimenti, compresi i procedimenti di urgenza, sebbene rimangano alcune eccezioni in osservanza del principio di accesso al giudice (in particolare nel caso in cui l’utilizzo di e-Curia risulti tecnicamente impossibile o quando un richiedente non rappresentato da un avvocato faccia domanda di gratuito patrocinio).

In vista della prossima entrata in vigore di tale evoluzione, gli avvocati e agenti che ancora non dispongono di un profilo di accesso a e-Curia sono invitati a chiederne la creazione attraverso un modulo di richiesta di accesso (fonte Corte di giustizia dell’Unione europea).

 

Link per richiedere la creazione di un profilo utente: https://curia.europa.eu/e-Curia/access-request-step1.faces

 

Scarica in pdf in manuale d’uso in italiano di e-Curia:https://curia.europa.eu/e-Curia/help/e-Curia_UserGuide_IT.pdf

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>